Round di investimento da 750mila euro per 3DNextech Srl, startup innovativa e spin off della Scuola Sant’Anna: così l’azienda potrà portare sul mercato prodotti per sviluppare nuovi paradigmi in grado di rivoluzionare la manifattura digitale

3DNextech Srl, startup innovativa con sede a Livorno e azienda spin-off della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, chiude un investimento da 750mila euro da parte con il Fondo Rilancio Startup gestito da CDP Venture Capital Sgr, in co-investimento con il round di investimento Seed del 2020 che ha visto A11 Venture come investitore principale, per sviluppare macchine innovative in grado di cambiare il mondo della manifattura digitale.

Il Fondo Rilancio Startup è il fondo da 200 milioni di euro sottoscritto dal Ministero dello Sviluppo Economico per sostenere e per supportare lo sviluppo di progetti e di attività di startup e di piccole e medie imprese innovative italiane, con l’obiettivo di dare un forte impulso all’ecosistema imprenditoriale, per il rilancio economico del Paese. Gli investimenti del Fondo Rilancio Startup sono realizzati in co-investimento con investitori proponenti e sono effettuati, per quanto attiene agli investimenti inziali nelle imprese target, attraverso lo strumento del finanziamento convertendo.

Il primo prodotto realizzato da 3DNextech, il “3DFinisher”, per la nobilitazione e per il trattamento di oggetti realizzati in materiale plastico, con particolare riferimento ai polimeri più impiegati a livello industriale, è pronto per la commercializzazione ed è già utilizzato da un selezionato gruppo di partner industriali.

Il “3DFinisher”, attraverso un’azione chimico-fisica, nobilita i componenti plastici rendendoli omogenei, lucidi, impermeabili, lavabili e verniciabili con facilità. Lo stesso risultato oggi richiede giorni di mano d’opera in levigatura e di impregnatura, rimandando il completamento di un processo tecnologico a un’ultima fase manuale. In aggiunta, il processo messo a punto riesce a rendere gli oggetti più performanti dal punto di vista meccanico, conferendo maggiore resistenzadurezza e tenacità. Sulla base di questa tecnologia sono già stati depositati tre design industriali e quattro brevetti internazionali.

La famiglia di brevetti depositati da “3DNextech” renderà possibile lo sviluppo di nuove tecnologie in grado di supportare la digitalizzazione dei processi manifatturieri nella direzione delle produzioni industriali e non più dei soli processi di prototipazione rapida e dalla produzione detta “in batch”. Oggi il “3DFinisher” permette di dare ai componenti trattati nuove caratteristiche, domani sarà possibile produrre grandi quantità di componenti in maniera diretta sulle linee produttive, modificando così i paradigmi di produzione in numerosi settori manifatturieri.

Andrea Arienti, amministratore delegato e fondatore di 3DNextech. “L’investimento del ‘Fondo Rilancio di CDP Venture Capital’ è estremamente importante in quanto ci consente di raggiungere nei prossimi mesi ‘pietre miliari’ importanti quali il consolidamento dei brevetti e la commercializzazione delle prime due macchine sul mercato: il ‘3DFinisher’ per polimeri quali ABS, ASA e Acetato di Cellulosa, già pronta, e la versione per Nylon su cui stiamo lavorando da diversi mesi e di cui prevediamo la commercializzazione nel 2022. Vorrei sottolineare la soddisfazione di tutto il team per la fiducia accordataci da un partner strategico come il ‘Fondo Rilancio’ di CDP che, insieme ai nostri investitori precedenti, potrà sostenere tutto il percorso di crescita di 3DNextech”.

Federico Davini, consigliere di amministrazione di 3DNextech, partner e componente del Comitato investimenti di A11 Venture srl. “L’investimento di CDP su ‘3DNextech’ apre nuove prospettive di sviluppo per una realtà in cui A11 Venture ha investito in pieno lockdown ad aprile 2020 avendo trovato nel team, nella visione e nei brevetti un grandissimo valore. Nel corso dell’ultimo anno abbiamo consolidato la tecnologia, sviluppato nuovi brevetti e definito insieme i punti di forza e debolezza del team. Oggi con questo investimento siamo nella condizione di scalare e di assumere nuove persone per convertire il nostro potenziale in risultati concreti anche sotto il profilo economico”.