NASCE EXL, MAGAZINE SULLE ECCELLENZE DI PISA, PROMOSSO DA UNIONE INDUSTRIALE PISANA E CAMERA DI COMMERCIO. LA SCUOLA SANT’ANNA TRA I PARTNER, NEL PRIMO NUMERO L'INTERVENTO DEL DELEGATO ALLA TERZA MISSIONE PAOLO DARIO E IL FOCUS SU "IL TALENTO ALL'OPERA"

Con un progetto editoriale innovativo e unico nel suo genere, le eccellenze pisane in tecnologia, ricerca, innovazione e impresa si preparano alle nuove sfide del futuro dando vita a una vetrina internazionale. Venerdì 29 ottobre è stato presentato il primo numero di eXL, il magazine bilingue (italiano/inglese) e quadrimestrale nato per iniziativa dell’Unione Industriale Pisana e la Camera di Commercio di Pisa, in collaborazione con importanti e prestigiose istituzioni, come l’Università di Pisa, la Scuola Superiore Sant’Anna, la Scuola Normale Superiore, il CNR, il Comune di Pisa, e fra i partner Acque, Vitesco, Teatro di Pisa, Confesercenti Cispel Toscana, con il contributo di Cassa di Risparmio di Volterra, Assocarta, Corning, Knauf, Fondimpresa. Per la Scuola Superiore Sant'Anna figurano Sabina Nuti, rettrice, nel Comitato d’Onore; Andrea Piccaluga e Alberto di Minin, rispettivamente direttore e docente all’Istituto di Management della Scuola Superiore Sant'Anna nel comitato scientifico.

Il magazine, che ha una tiratura cartacea di 10mila copie, sarà consultabile anche nella doppia versione online sul suo sito internet e sulla pagina Facebook eXL. La rivista cartacea di 48 pagine, realizzata con l’innovativo metodo della stampa antibatterica da Pacini Editore, è distribuita in tutta la Toscana e in Italia e all’estero a istituzioni, istituti di credito, Confindustrie, Camere di Commercio all’estero e stakeholders delle Università e degli enti partner.

 “L’obiettivo – spiega Andrea Madonna, direttore editoriale – è duplice. Testimoniare la presenza e la vitalità di uno straordinario patrimonio che si apre al mondo e contribuisce a creare idee e progetti di sviluppo per il bene comune. Sono poche nel mondo città come Pisa che hanno, nello stesso luogo geografico, un patrimonio così ricco e vivace di eccellenze internazionali”. “Ma – aggiunge Madonna – eXL vuole anche essere un progetto di conoscenza. Se da un lato ci permette di far conoscere, all’esterno, le eccellenze del territorio pisano, già note singolarmente grazie al lavoro di docenti, ricercatori, imprenditori, dall’altro vuole essere anche un terreno di conoscenza interna”. “Ci auguriamo – auspica il direttore editoriale - che le aziende, i docenti, gli imprenditori, gli studenti che entreranno in contatto con eXL e con i suoi contenuti, possano trovarvi nuovi stimoli, conoscere nuove realtà, e cogliere nuove opportunità”. “Perché l’obiettivo finale – conclude Madonna - è trattenere nel nostro territorio le tante eccellenze e i tanti talenti che a Pisa si formano o che vi trovano compimento e trampolino di lancio. Noi vogliamo dire, con questo magazine, che non c’è bisogno di andare all’estero per realizzare un progetto, un’idea. Qui, a Pisa, c’è tutto quello che serve e eXL ve lo fa conoscere”. 

Il primo numero della rivista presenta come filo conduttore il tema della pandemia: nel primo piano si racconta il mondo in cui le industrie del settore chimico farmaceutico e la ricerca dei centri universitari di eccellenza hanno risposto. Nelle cinque rubriche dedicate a tecnologia e innovazione, web e social, economia e turismo, talenti, arte e cultura c’è spazio per molti approfondimenti. Viene presentata la Fondazione Il Talento all’Operapromossa proprio dalla Scuola Superiore Sant'Anna, e si raccontano le bellezze del territorio e le sue risorse enogastronomiche, si descrivono luoghi d’arte famosi in tutto il mondo, come piazza dei Miracoli e il murale Tuttomondo, una delle ultime opere di Keith Haring della cui realizzazione quest’anno ricorre il trentennale. La redazione del magazine è composta dagli addetti stampa delle istituzioni partner; sono anche previsti contributori esterni di rilievo.

Le ‘firme eXL’ di questo numero sono quelle di Paolo Dario, docente all’Istituto di Biorobotica della Scuola Superiore Sant’Anna e delegato alla terza missione, Adriano Prosperi, docente di Storia alla Scuola Normale Superiore, e Stefano Renzoni, storico dell’arte e consulente della Fondazione Pisa per la quale ha contribuito nella realizzazione del Museo di Palazzo Blu.