Biorobotica

Progetti Inail

BioARM

Il progetto BioARM è un progetto di ricerca promosso da INAIL in collaborazione tra l’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna, l’Università Campus Bio-Medico di Roma e il Centro Protesi INAIL. Il progetto ha lo scopo di sviluppare una nuova ortesi attiva di arto superiore completamente portatile, per l’assistenza di pazienti affetti da lesione del plesso brachiale. La lesione del plesso brachiale è spesso conseguenza di incidenti stradali (nella maggior parte dei casi di motociclistici) e, nei casi più gravi, può compromettere completamente le funzionalità motorie e sensoriali della persona che la subisce. Le attuali soluzioni in uso includono per lo più sistemi di supporto passivi, che non permettono di migliorare la funzionalità dell’arto superiore. L’obiettivo del progetto è quello di sviluppare un dispositivo capace di fornire assistenza all’utente durante le attività della vita quotidiana, e di favorire il recupero dell’autonomia e dell’indipendenza.
L’ortesi attiva implementerà nuove strategie per l’assistenza motoria, basate sull’utilizzo congiunto di attuatori innovativi per lo sviluppo di giunti robotizzati, sistemi di intelligenza e stimolazione elettrica funzionale. Inoltre, il dispositivo finale integrerà sistemi innovativi di ritorno sensoriale, basati su elementi vibro-tattili. Il progetto BioARM avrà impatto nel dominio scientifico, producendo nuova conoscenza nei campi della robotica indossabile, bioingegneria e biorobotica.


Ente promotore: INAIL
Identificativo del progetto: PR19-RR-P3
Periodo e durata: 2020-2023 (36 mesi)
Finanziamento: 1.8 M€
Coordinatori: Prof. Nicola Vitiello, Dott.ssa Simona Crea, Prof. Christian Cipriani, Prof.ssa Loredana Zollo, Dott. Marco Controzzi, Ing. Emanuele Gruppioni